EMANUELE MOLLICA

Emanuele Mollica, nasce a Bronte il 16 giugno del 1990.
Ha studiato presso l’Accademia di Belle Arti di Catania, conseguendo il titolo di Diploma Accademico di I livello in Pittura dedicando la tesi dal titolo “Librettum unum di avoliu” alla miniatura, facendo esplicito riferimento al libretto attribuito alla baronessa De Quatris di Randazzo.
Nel 2014 presso la stessa Istituzione consegue il Diploma Accademico di II livello in Fotografia, con voto 110 e lode, dopo aver discusso la tesi specialistica sperimentale “The International Observatory in the meantime” in cui confrontò l’arte di 169 Nazioni partecipanti dai 5 continenti su diverse tematiche proposte.
Nello stesso anno viene invitato a presentare la sua tesi ad un Convegno presso il Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali dell’Università degli Studi di Catania.

Viene successivamente nominato “Cultore della Materia” in “Storia del Disegno e della Grafica” presso la Cattedra di Storia dell’Arte all’Accademia di Belle Arti di Catania.
Il 10 agosto 2015, pubblica il suo primo libro dal titolo “De Quadro – Una storia prende vita”, in cui risolve e chiarisce alcune dinamiche storiche legate a personaggi importanti della sua città. In questa circostanza scriverà di lui “La voce dell’Isola”.
Successivamente intraprende altri studi presso l’Università degli Studi di Catania all’interno del Dipartimento di Scienze Umanistiche, di cui ottiene diversi Certificati di corsi singoli universitari in materie umanistiche, alcune delle quali presso il Corso di Laurea Magistrale in Storia dell’Arte e Beni Culturali.
Ha scritto per il libro di Giuseppina Radice “Alchimisti di oggi per un futuro fatto a mano” editore Lupetti, la prefazione insieme alla pubblicazione di alcune sue opere fotografiche.
Ha curato diverse mostre tra cui “AccademiaxAccademia” nel 2012 e “Arte Unita” nel 2017, presso il Museo Emilio Greco di Catania.
Ha inoltre collaborato con diversi Enti e Istituzioni, tra cui in qualità di Esperto esterno presso il Circolo Didattico “Don Lorenzo Milani” di Randazzo.
Attualmente dedica i suoi interessi alla scrittura di vari elaborati e all’approffondimento di diverse tematiche culturali e formative.

 

Emanuele Mollica

De Quadro – Una storia prende vita, è un testo pubblicato nel 2015 dall’autore Emanuele Mollica.
Il titolo centra a pieno una delle tante questioni affrontate al suo interno e cioè, il cognome della famiglia conosciuta dai più come De Quatris.
L’autore riesce a documentare e dimostrare quali siano le antiche origini di questa famiglia e alcuni avvenimenti importanti che la riguardano, soprattutto in riferimento alla baronessa Giovannella De Quatris, rifacendosi sia alle diverse interpretazioni storiche e sia alle nuove fonti scoperte.
Questo saggio storico nasce da una ricerca svolta dall’autore inizialmente per la sua tesi di laurea, che lo ha poi coinvolto in continui approfondimenti su nuove questioni che man mano emergevano.
Il libro è dedicato alla città di Randazzo, a cui fanno riferimento fatti e persone che qui hanno lasciato un’impronta, in vicende connesse alla famiglia De Quadro.
Tuttavia sebbene il testo aiuta a comprendere meglio fatti e vicende, rimettendo tutto in discussione, permangano ancora alcuni misteri, che forse rendono questa incredibile storia così affascinante.

 

 

RANDAZZO – LA BARONESSA GIOVANNELLA DE QUATRIS

Un giovane scrittore di Randazzo, Emanuele Mollica, appassionato studioso di storia, ha voluto pubblicare un suo importante e documentato saggio sulla vita della baronessa Giovannella De Quatris, nobildonna e generosa filantropa di Randazzo vissuta tra il 1440 ed il 1529: la nobile Giovannella lasciò tutti i suoi beni alla Chiesa di Santa Maria (a fin di bene), e nella stessa chiesa (basilica) è stata sepolta ed è custodito il libretto, conosciuto con il suo nome e composto di 4 tavolette di avorio e copertina.
Sulla copertina sono intagliate la Crocifissione, la Resurrezione, l’Incoronazione della Vergine e la sua morte; nelle tavolette (interne) sono 6 splendide miniature su pergamena, sei inni ai temi sacri di Annunciazione , Visitazione, Adorazione di Gesù Bambino , martirio di San Sebastiano, Presentazione al Tempio e Crocifissione.

Lo scrittore ha avuto l’occasione di osservare attentamente il libretto eburneo della Baronessa, da lei utilizzato per le quotidiane preghiere.
Il libretto, che è una rara e pregiata opera impreziosita da intarsi e miniature di squisita fattura e di rara bellezza , catturò l’attenzione dello scrittore, il quale dopo lunghe ed accurate ricerche storiche ne ha maturato la sua tesi di laurea e ha presentato il volume dal titolo “De Quadro ,una storia prende vita”.

Il volume di 146 pagine è stato presentato al pubblico in data 10 Agosto 2015 alle ore 19:00 nell’Aula del Consiglio Comunale di Randazzo ove oltre all’Autore erano presenti autorità, tra le quali il Sindaco della Città di Randazzo Prof. Michele Mangione e il Presidente del Consiglio Comunale di Randazzo Nino Grillo , numerosi studiosi e molti cittadini.
Al tavolo della Presidenza era, in primis, la Prof.ssa Giuseppina Radice, Docente di Storia dell’Arte presso l’Accademia di Belle arti di Catania, che ha seguito con molta passione e attenzione le importanti ricerche e il lavoro del giovane scrittore, apportatore così di un contributo significativo alla conoscenza della storia e dei grandi personaggi della città di Randazzo.
Il libro è composto da 7 capitoli dove vengono approfonditi: il cognome della De Quatris, i mariti , la sepoltura , il testamento , l’Opera De Quatris, il libretto eburneo e lo stemma.
L’autore scopre molti particolari finora sconosciuti e mette in evidenza , soprattutto , una importante scoperta: infatti dimostra che il vero cognome della baronessa è De Quadro e non De Quatris e ciò ha incuriosito il pubblico presente alla manifestazione e certamente nei giorni che seguiranno sarà argomento di conversazione negli ambienti culturali di Randazzo.
Emanuele Mollica è nato il 16 Giugno 1990 ed ha conseguito la Laurea Magistrale presso l’Accademia delle Belle Arti di Catania.
Ovviamente da ora in poi lo scrittore sarà inserito a pieno titolo nell’elenco degli studiosi della città di Randazzo.
Tutta la manifestazione è stata ripresa e trasmessa dall’emittente televisiva TGR che segue sempre tutte le manifestazioni organizzate dalle due Associazioni culturali: l’Istituto per la Cultura Siciliana e l’Associazione Artemide con sede in Randazzo.

 – Gabriella Magro  ” La voce dell’Isola ”    -18-08-2015 –