Archivio mensile novembre 2017

FOTO DI GRUPPO

 

In questa pagina sono pubblicate foto datate di gruppo di Randazzesi. Se riconosci qualcuno non già identificato puoi taggarlo.

Se sei  in possesso di foto antiche di Randazzesi o della Città e desidera vederli pubblicati, può inviarli al seguente indirizzo e-mail: info@randazzo.blog

  ID FOTO: A1

3456789101112

1-Vincenzo Lo Presti; 2-?;  3-?; 4-?; 5-Gaetano Rasano; 6- Salvatore Sindoni; 7-?; 8-Mario Grasso; 9-Salvatore Agati; 10-?; 11-?;

TAGGA FOTO

     ID FOTO: C1

12345678910111213

1-Nino Spartà; 2-Anselmo Di Stefano; 3-Noberto Liggeri; 4- Antonio Greco; 5-Pippo Dilettoso; 6- Nunzio Galvagno; 7-?; 8-?; 9-Nino Di Silvestro; 10-Francesco Rubbino; 11-Sebastiano Greco; 12- Nino Farina Elio.

TAGGA FOTO

   

Pippo Greco, Franco Greco, Antonio Greco, Salvatore La Piana, Franco Amato, Irene Crimi, Fernando Salanitri, Francesco Rubbino, Nuccio D’Amico, Albino Rubbino, Franco Vagliasindi, Pino Rizzo, Salvatore D’Amico, Rosario La Rosa, Mario Mancino, Nino Di Silvestro, Renato Macarrone, Mario Rizzo, Arturo Priolo, NinoPetrina, Ernesto Del Campo, Nino Aidala, Nino Spartà,

 
     
     
     
     
     
     
   
   
     
     
     
     
     
 

Nino Petrina, Albino Rubbino, Enzo Allia, Francesco Rubbino, Tonio Longo, Lino Zappalà, Antonio Greco, Nino Farina, Giovanni Salanitri.

 
   
     
     
   
   
   
   
   
     
     
     
     
     
     
     
   

Genovese, Salvatore Patti, Giuseppe Cammarata, Nunzio Romano, Nino……………., Arturo Bordonaro, Giovanni Salanitri. Foto di ARTURO BORDONARO .

 
   

Gianni Paparo, Arturo Bordonaro, Franco Sgroi, Alfredo Pappalardo, Giuseppe Lo Giudice, Franco Lo Presti, Nunzio Cammarata, Salvatore Proietto, Nino Emmanuele. Foto di ARTURO BORDONARO

 
   

Albino Rubbino, Nunzio Galvagno, Nino Fioretto, Salvatore Franco, Marcello Foti, Gigi La Piana,  Antonio Greco, Pippo D’Antonio, Marcello Foti,  Sergio Palermo, Francesco Rubbino, Francesco Lanza, Roberto Bordonaro.

Foto di Francesco Rubbino

 
   

  Gigi La Piana,  Sergio Palermo, Francesco Rubbino, Fernando Salanitri, Nunzio Galvagno, Nino Fioretto, Antonio Greco, Francesco Lanza, Pippo D’Antonio, Vincenzo Franco, Albino Rubbino, Marcello Foti, Salvatore Franco.

Foto di Francesco Rubbino

 
     
     
   

Ragionieri diplomati nel 1966 all’Istituto San Basilio – Randazzo

 
     
   

foto di Vincenzo Rotella.

 
     
     
     
   
     
   

Quarta Elementare 1946/1947. Maestro Ludovico Del Campo. La foto è di Giuseppe Franco datata 6 giugno 1947 – Si riconoscono Giuseppe Franco, Ignazio Sorbello, Nunzio Zappalà, i gemelli Parlavecchio, Nino Tempesta

 
   

La confraternita dell’Annunziata. Foto di Pippo Calà

 
   

foto di Leone Cipriano . Corpo Forestale di Randazzo   21 marzo 1997

 
   

Foto di Carmelo Venezia. Corso di aggiornamento dei falegnami randazzesi 1953

 
   

Foto di Carmelo Venezia (31.05.1952).

 
 

Foto di Carmelo Venezia.

 
   

Foto di Carmelo Venezia

 
   

Foto di Carmelo Venezia.

 
   

Foto di Nunzio Zappalà.

 
   

Foto di Nunzio Zappalà.

 
   

Foto di Nunzio Zappalà.

 
 

Foto di Nunzio Zappalà.

 
   

Foto di Nunzio Zappalà

 
 

Foto di Vincenzo Rotella.

Club Gli Amici – Gita a Lipari Giovanni Gullotto, Nunzio Modica, Emanuele Gullotto, Francesco Rubbino, Nino D’Amico, Franco Salanitri, Zino Zuccarello, Carmelino Luca.

 
     
     
     
     

 

Consiglieri Comunali

in aggiornamento

Consiglieri Comunali dal 1946 al 1952

N. COGNOME E NOME PARTITO VOTI
1 Emanuele Giuseppe PCI   
2 Mannino Gaetano Indipendentista  
3 Palermo Nicolò   DC  
4 Giuffrida Sebastiano   PLI  
5 Montera Giuseppe  PCI  
6 Cinquegrana Pietro PCI  
7 Pasqua Giuseppe Ind.  
8 Magro Giovanni  Ind.  
9 Spitaleri Nunzio PCI  
10 Magro Francesco   PSI  
11 Mannino Carmelo  PCI  
12 Schillirò Vincenzo  DC  
13 Sangrigoli Vincenzo  PSDI  
14 Castiglione Gaetano  PCI  
15 Spartà Nunzio  Ind.  
16 La Piana Mariano Alfio PCI  
17 Camarda Paolo  PCI  
     
1 Basile Vito  PLI  
2 Barbagallo Giuseppe  PLI  
3 Vagliasindi Pietro  DC  
4 Saletti Salvatore  DC  
5 Camardi Giovanni  DC  
6 Petrina Antonino  DC  
7 Romeo Carmelo  DC  
8 Scalisi Vincenzo  Monarchico  
9 Criffò Salvatore  DC  
10 Palermo Alfio  DC  
11 Rasano Giuseppe  Indipendentista  
12 Paparo Gioacchino  DC  
13 Caggegi Michelangelo DC  

 

Consiglieri Comunali dal 1952 al 1956

N. COGNOME E NOME PARTITO  VOTI
1 Vagliasindi Pietro  DC  
2 Barbagallo Giuseppe  DC  
3 Germanà Sebastiano  DC  
4 Bonaventura Giuseppe   DC  
5 Palermo Nicolò   DC  
6 Grasso Isidoro   DC  
7 Fisauli Giuseppe   DC  
8 Tripoli Francesco Paolo   DC  
9 Bongiovanni Antonino   DC  
10 Romeo Carmelo   DC  
11 Scala Raffaele  PSDI  
12 Cocivera Alfio   DC  
13 Dilettoso Giuseppe   DC  
14 Foti Mariano   DC  
15 Lo Castro Antonino DC   
16 Scuderi Antonino   DC  
17 Scalisi Salvatore   DC  
18 Longhitano Alfio   DC  
19 Olivo Giuseppe   DC  
20 Fisauli Gaetano   DC  
21 Sangrigoli Vincenzo  PSDI  
22 Munforte Antonino   DC  
23 Panissidi Salvatore   DC  
24 Mascali Salvatore  DC  
 
25 Montera Giuseppe PCI  
26 Lazzaro Gaetano  PCI  
27 Sciavarello Salvatore  PCI  
28 Mannino Carmelo  PCI  
29 Monforte Antonino   PCI  
30 Finocchio Carmelo  PCI  

 

Consiglieri Comunali dal 1956 al 1960

N. COGNOME E NOME PARTITO  VOTI
1 Vagliasindi Pietro  DC  
2 Barbagallo Giuseppe  PLI  
Fisauli Giuseppe  PLI  
Mascali Salvatore   DC  
Facondo Vincenzo  MSI  
Salanitro Gino DC  
7 Agati Martino Monarchico  
Camardi Giovanni PLI  
Saletti Sebastiano PLI  
10  Castorina Armando MSI  
11 Magro Pietro  DC  
12  Alfonso Alfio Salvatore MSI  
13  Del Campo Agostino MSI  
14  Bongiovanni Antonino  DC  
15  Di Francesco Armando Claudio Monarchico  
16  Fisauli Francesco IND  
17  Gangemi Mariano IND  
 18 Vaccaro Antonino DC  
 19 Nucifora Lucio DC  
 20 Spitaleri Carmelo MSI  
 21 Di Stefano Arturo  DC  
 22 Calà Santo MSI  
 23 Longhitano Alfio  DC  
 24 Fisauli Gaetano IND  
 
25 Lazzaro Gaetano PCI  
26  Sciavarello Salvatore  PCI  
27  Magro Antonio  PCI  
28  Magro Francesco   PSI  
29  Munforte Antonino   PCI  
30  Munforte Vincenzo  PSI  

 

Consiglieri Comunali dal 1960 al 1964

N. COGNOME E NOME PARTITO VOTI
1 Bonaventura Giuseppe DC  
2 Giuffrida Sebastiano DC  
3 Munforte Alfio DC  
4 Montera Giuseppe DC  
5 Panissidi Salvatore DC  
6 Cocivera Alfio DC  
7 Virgilio Pietro DC  
8 Pallante Carmine DC  
9 La Piana Giuseppe DC  
10 Foti Antonino DC  
11 Emanuele Giuseppe DC  
12 Germanà Sebastiano DC  
 
13 Lazzaro Gaetano PSI  
14 Munforte Vincenzo IND  
15 Magro Francesco PSI  
16 Iovino Paolo Felice PSDI  
17 Mineo Carmelo PSI  
18 Mascali Salvatore IND  
19 Lombardo Vincenzo IND  
     
20 Palermo Nicolò IND  
21 Sciavarello Salvatore PCI  
22 Magro Antonino PCI  
23 Proietto Antonino  PCI  
 
24 Fisauli Antonio IND  
25 Del Campo Agostino MSI  
26 27lfonso Vincenzo MSI  
27 Bonanno Salvatore MSI  
 
28 Pagano Antonino Salvatore L. CIVICA
Leone Rampante
   
29 La Piana Basilio L. CIVICA
Leone Rampante
   
30 Di Francesco Antonio Claudio L. CIVICA
Leone Rampante
   

 

Consiglieri Comunali dal 1964 al 1970

N. COGNOME E NOME PARTITO  VOTI
1 Giuffrida Sebastiano DC  
2 Fisauli Antonino DC  
3 Mineo Pasquale DC  
4 Quattropani Arturo DC  
5 Montera Giuseppe DC  
6 Panissidi Salvatore DC  
7 Salanitri Nicolò DC  
8 Grasso Carmelo DC  
9 Modica Gaetano DC  
10 Lo Presti Vito DC  
11 Pallante Carmine DC  
12 Mascali Salvatore DC  
13 Caruso Vincenzo  DC  
 
14 Sciavarrello Salvatore PCI  
15 Magro Antonino PCI  
16 Calà Antonino Salvatore PCI  
17 Proietto Antonino PCI  
18 Cammarata Santo  PCI  
 
19 Vagliasindi Pietro L. CIVICA
Leone Rampante
   
20 Spitaleri Gino L. CIVICA
Leone Rampante
   
21 Salanitri Gino Antonio L. CIVICA
Leone Rampante
   
22 Dilettoso Emanuele L. CIVICA
Leone Rampante
   
23 La Piana Basilio  L. CIVICA
Leone Rampante
   
 
24 Lazzaro Gaetano PSIUP  
25 Munforte Vincenzo PSIUP  
26 La Monaca Alfio PSIUP  
27 Magro Nunziato PSIUP  
 
28 Pagano Antonino Salvatore PSI  
29 Mineo Carmelo  PSI  
         
30 Scalisi Giuseppe  MSI  

 

Consiglieri Comunali dal 1970 al 1975

N. COGNOME E NOME PARTITO  VOTI
1 Montera Giuseppe DC  
2 Agati Salvatore DC  
3 Petrullo Giovanni DC  
4 Caruso Antonino DC  
5 Panissidi Salvatore DC  
6 Foti Vincenzo DC  
7 Dilettoso Emanuele DC  
8 Germanà Carmelo DC  
9 Rubbino Francesco Paolo DC  
10 Parlavecchio Mariano DC  
11 Modica Gaetano DC  
12 Gulino Giuseppe DC  
13 Zappalà Gaetano  DC  
     
14 Sciavarrello Salvatore PCI  
15 Calà Impirotta Antonino PCI  
16 Cammarata Carmelo PCI  
17 Mollica Paolo PCI  
18 Salanitri Alfio  PCI  
     
19 Lazzaro Gaetano PSIUP  
20 Munforte Vincenzo PSIUP  
21 Magro Nunziato PSIUP  
22 Zappalà Alfio PSIUP  
23 Ruffino Luigi PSIUP  
     
24 Iovino Paolo Felice PSI  
25 Pagano Antonino Salvatore PSI  
26 Arena Dino  PSI  
     
27 Scalisi Mario PRI  
28 Cammarata Santo PRI  
29 Luca Carmelo  PRI  
     
30 Tempesta Francesco LISTA CIVICA
Fiaccola con Bandiera
   

 

Consiglieri Comunali dal 1975 al 1980

N. COGNOME E NOME PARTITO VOTI
1 Agati Salvatore DC  
2 Mineo Pasquale DC  
3 Mollica Aldo DC  
4 Petrullo Giovanni DC  
5 Torre Alfio DC  
6 Petrina Gisella Carmela DC  
7 Caruso Antonino DC  
8 Dilettoso Giambattista DC  
9 Luca Carmelo DC  
10 Foti Vincenzo  DC  
 
11 Iovino Paolo Felice Fortunato PSI  
12 Magro Nunziato PSI  
13 Munforte Vincenzo PSI  
14 Zappalà Alfio PSI  
15 Mannino Pietro  PSI  
 
16 Rubbino Francesco Paolo L. CIVICA
Per una vera Democrazia
   
17 Montera Giuseppe L. CIVICA
Per una vera Democrazia
   
18 Parlavecchio Mariano L. CIVICA
Per una vera Democrazia
   
19 Panissidi Salvatore L. CIVICA
Per una vera Democrazia
   
20 Dilettoso Emanuele  L. CIVICA
Per una vera Democrazia
   
 
21 Sciavarrello Salvatore PCI  
22 Caruso Vincenzo PCI  
23 Agati Giuseppe PCI  
24 Sangrigoli Vincenzo  PCI  
 
25 Tempesta Francesco MSI  
26 Ragonese Angelo MSI  
27 Rizzo Mario Antonio  MSI  
 
28 D’Amico Giuseppe PSDI  
29 Pagano Antonino Salvatore PSDI  
30 Arena Dino  PSDI  

 

Consiglieri Comunali dal 1980 al 1985

N. COGNOME E NOME PARTITO VOTI
1 Cunsolo Antonino DC  
2 Petrullo Giovanni DC  
3 Agati Salvatore DC  
4 Parlavecchio Mariano DC  
5 Pruiti Ciarello Vincenzo DC  
6 Petrina Antonino Maria DC  
7 Rubino Francesco Paolo DC  
8 Sorbello Ignazio DC  
9 Russo Alfio DC  
10 Mineo Pasquale DC  
11 Panissidi Salvatore DC  
12 Emanuele Antonino DC  
13 Cicero Giovanni Osvaldo DC  
14 Galati Giordano Gino DC  
15 Ragaglia Alfio  DC  
 
16 Mineo Luigi PSI  
17 aggegi Antonino PSI  
18 Scalisi Giuseppe PSI  
19 Proietto Pitinzano Salvatore  PSI  
 
20 Lanza Francesco L. CIVICA    
21 La Ruota Giuseppe L. CIVICA    
22 Gangi Michele L. CIVICA    
23 Calà Impirota Giuseppe  L. CIVICA    
 
24 Agati Carmelo PCI  
25 Papotto Antonino PCI  
26 Sangrigoli Vincenzo  PCI  
 
27 Magro Nunziato PRI  
28 Scrivano Rosario  PRI  
 
29 D’Amico Giuseppe  PSDI  
 
30 Bonfiglio Giuseppe  MSI  

 

Consiglieri Comunali dal 1985 al 1990

N. COGNOME E NOME PARTITO VOTI
1 Agati Salvatore DC  
2 Emanuele Grazia DC  
3 Sorbello Ignazio DC  
4 Fioretto Antonino DC  
5 La Ruota Mario DC  
6 Scala Alfio DC  
7 Petrullo Giovanni DC  
8 Ragaglia Alfio DC  
9 Foti Vincenzo DC  
10 Mineo Pasquale DC  
11 Russo Alfio DC  
12 Spartà Giovanni DC  
13 Emanuele Antonino  DC  
 
14 Lanza Antonino PSI  
15 Salanitri Domenico PSI  
16 Lanza Francesco PSI  
17 Mineo Luigi PSI  
18 Proietto Pitinzano Salvatore PSI  
19 Caggegi Antonino Francesco PSI  
20 Scalisi Giuseppe  PSI  
 
21 Germanà Giovanni PCI  
22 Agati Carmelo PCI  
23 Militi Francesco  PCI  
 
24 D’Amico Giuseppe PSDI  
25 Papotto Vincenzo PSDI  
26 Giaquinta Arturo  PSDI  
 
27 Magro Nunziato PRI  
28 Varsallona Angelo  PRI  
 
29 Tempesta Francesco MSI  
30 Bonfiglio Giuseppe  MSI  

 

 

Consiglieri Comunali dal 1990 al 1994

N. COGNOME E NOME PARTITO VOTI
1 Rubbino Francesco Paolo DC  
2 Emmanuele Grazia DC  
3 Foti Vincenzo DC  
4 Petrullo Giovanni DC  
5 Foti Ettore DC  
6 Spartà Giovanni DC  
7 Salanitri Angela DC  
8 Del Campo Ernesto DC  
9 Salanitri Antonio DC  
10 Parlavecchio Paolo DC  
11 Ragaglia Alfio DC  
12 Spartà Salvatore DC  
13 Paccione Franco DC  
14 La Ruota Mario DC  
15 Fioretto Antonino DC  
16 Pillera Giuseppa DC  
 
17 Lanza Francesco PSI  
18 Lanza Antonino    
19 Caggegi Carmela    
20 Sangrigoli Francesco    
21 Portale Salvatore    
22 Sangrigoli Salvatore    
 
23 Germanà Giovanni PCI  
24 Caggegi Fortunato Francesco PCI  
 
25 Finocchiaro Agatino PLI  
26 Cernuto Fernando Antonio PLI  
 
27 Magro Nunziato PRI  
28 Rizzeri Salvatore PRI  
 
29 D’Amico Giuseppe PSDI  
 
30 Tempesta Francesco MSI-DN  

 

Consiglieri Comunali dal 1994 al 1998

N. COGNOME E NOME PARTITO VOTI
1 Militi Francesco Liberare e Costruire    
2 Aidala Fabio Renato Liberare e Costruire    
3 Lo Giudice Calogero Carlo Liberare e Costruire    
4 Reali Fabio Giuseppe Liberare e Costruire     
5 Caggegi Fortunato Liberare e Costruire     
6 Magro Antonino Liberare e Costruire     
7 Militi Carmelo Liberare e Costruire     
8 Crimi Giuseppe Liberare e Costruire     
9 Farina Maria Liberare e Costruire     
10 Cariola Giuseppe Salvatore Liberare e Costruire    
11 Santangelo Pietro Liberare e Costruire     
12 Farina Maria Grazia Liberare e Costruire     
13 Pagano Domenico Liberare e Costruire     
14 Caruso Antonino Liberare e Costruire     
 
15 Foti Concetta F.I. – C.C.D. – A.N.  
16 Russo Giuseppe F.I. – C.C.D. – A.N.  
17 Luca Maria Giovanna F.I. – C.C.D. – A.N.  
18 Romano Giuseppe F.I. – C.C.D. – A.N.  
19 Modica Filippo F.I. – C.C.D. – A.N.  
20 Lanza Franco F.I. – C.C.D. – A.N.  

Le amministrative del 1994 sono le prime votazioni con elezione diretta del sindaco in un sistema a doppio turno.

I candidati che hanno partecipato alla competizione sono:

Vecchio Angela (voti 2037)  –  Sangrigoli Giovanni  (voti 1825) – Lanza Francesco (voti 1562) – Proietto Umberto (voti 1484)

Al ballottaggio: Vecchio Angela (voti 5388)  –  Sangrigoli Giovanni  (voti 4612)

 

Consiglieri Comunali dal 1998 al 2003

N. COGNOME E NOME PARTITO VOTI
1 Gullotto Giuseppe Rinascita Randazzo    
2 Amato Francesco Rinascita Randazzo    
3 Pellazza M. Giuseppa Rinascita Randazzo    
4 Aidala Antonino Carlo Rinascita Randazzo    
 
 5  Proietto Umberto Alleanza Nazionale   
 
6 Zingali Antonino CDU  
7 Caggegi Mariano CDU  
8 Emanuele Grazia CDU  
 
9 Emanuele Nunzio Davide Forza Italia  
10 CantalI Gino Forza Italia  
11 Salvatore Quattropani Forza Italia  
 
12 Sgroi Francesco Giovanni Insieme Con Randazzo    
 
13 Grillo Antonino Socialisti Democratici e Italiani  
 
14 Proietto Piero Insieme per migliorare Randazzo    
 
15 Salanitri Francesco Paolo Costruire il Futuro    
16 Militi Francesco Costruire il Futuro    
17 Caggegi Fortunato Costruire il Futuro    
18 Crimi Giuseppe Costruire il Futuro    
 
19 Lo Giudice Carlo CDR    
20 Cimino Sergio CDR    

I candidati che hanno partecipato alla competizione sono:

Vecchio Angela (voti 2691)  –  Del Campo Ernesto (voti 2333) – Lanza Francesco (voti 2154) – Parlavecchio Paolo (voti 345 )

Al ballottaggio: Del Campo Ernesto (voti 3581) – Vecchio Angela (voti 3564 )

 

 

Consiglieri Comunali dal 2003 al 2008

N. COGNOME E NOME PARTITO VOTI
1 Amato Francesco Paolo LISTA CIVICA

Randazzo Da Vivere

   
2 Franco Carmelo LISTA CIVICA

Randazzo Da Vivere

   
3 D’Amico Giuseppe LISTA CIVICA

Randazzo Da Vivere 

   
4 Bertone Giovanni LISTA CIVICA

Randazzo Da Vivere 

   
 
5 Sgroi Francesco  Alleanza Nazionale  
6 Sindoni Giuseppe  Alleanza Nazionale   
7 Minissale Franco Giuseppe Alleanza Nazionale   
 
 8  La Ruota Mario Randazzo nel Cuore     
9 Scala Alfio Randazzo nel Cuore    
10 Lo Presti Cristoforo Alfredo Randazzo nel Cuore    
 
11 Di Vincenzo Salvatore Riscoprire Randazzo    
12 Proietto Batturi Nunzio Riscoprire Randazzo    
 
13 Gullotto Giuseppe Forza Italia  
14 Mollica Sebastiano Forza Italia  
15 Emanuele Nunzio Davide Forza Italia  
 
16 Foti Concetta  UDC  
17 Costanzo Zammataro Antonino  UDC  
 
18 Caggegi Fortunato Angela Vecchio Sindaco    
         
19 Grillo Antonino Con Graziella per Randazzo    
 
20 Caggegi Mariano Insieme per Randazzo    

I candidati  Sindaci che hanno partecipato alla competizione sono:

Agati Salvatore  (voti 2893)  – Del Campo Ernesto (voti 2097)   –  Emmanuele Grazia (voti 1664) – Vecchio Angela  (voti 1171)

Al ballottaggio: Agati Salvatore  (voti 3613)  – Del Campo (voti 3450)

 

 

Consiglieri Comunali dal 2008 al 2013

N. COGNOME E NOME PARTITO VOTI
1 Rubbino Carmelo Lucio PDL  
2 Zingali Antonino PDL  
3 Raciti Paolo PDL  
4 Montagno Gaetano PDL  
5 Scala Alfio PDL  
 
6  Lo Giudice Calogero Carlo Del Campo Sindaco   
7 Giarrizzo Carmelo  Del Campo Sindaco  
8 Caggegi Mariano Del Campo Sindaco  
 
9 Minissale Giuseppe  Alleanza per Randazzo  
10 Lazzaro Alfio Alleanza per Randazzo  
11 Zagami Rosario Alleanza per Randazzo  
 
12 Proietto Umberto Vola Alto  
 
13 Anzalone Gianluca PD  
14 Gullotto Giuseppe PD  
 
15 Grillo Antonino Protagonisti con Michele  
16 Amato Francesco Protagonisti con Michele  
 
17 Sgroi Francesco Famiglia, Lavoro, Solidarietà  
18 Franco Carmelo Famiglia, Lavoro, Solidarietà  
 
19 Foti Concetta Sicilia Forte e Libera  
 
20 Lo Presti Cristoforo Alfredo MPA  

I candidati che hanno partecipato alla competizione sono:

Del Campo Ernesto (voti 3539)   –  Mangione Michele (voti 2366) – Lanza Antonino (voti 1837)

Al ballottaggio: Del Campo Ernesto (voti 4225) – Mangione Michele (voti 2358)

 

Consiglieri Comunali dal 2013 al 2018

N. COGNOME E NOME PARTITO VOTI
1 Grillo Antonino Articolo 4  
2 Gullotto Maria Cristina Articolo 4  
3 Ceraulo Vincenzo Articolo 4  
4 Mollica Sebastiano Articolo 4  
 
5 Anzalone Gianluca Giuseppe Randazzo Democratica  
6 Priolo Carlo Randazzo Democratica  
7 Sindoni Sara Anna Randazzo Democratica  
 
8 Emmanuele Grazia Impegno per Randazzo  
 
9 Ragaglia Alfio Del Campo Sindaco  
10 Russo Maria Serena Del Campo Sindaco  
11 Giarrizzo Carmelo Del Campo Sindaco  
 
12 Pillera Alfio Insieme per Francesco Sgroi  
13 Salanitri Stefania Milena Insieme per Francesco Sgroi  
14 Scalisi Carmelo Tindaro Insieme per Francesco Sgroi  
 
15 Arrigo Maria Loredana PDL  
16 Rubbino Carmelo PDL  
 
17 Gullotto Giuseppe Il Paese Che Vogliamo  
18 Minissale Franco Giuseppe Il Paese Che Vogliamo  
 
19 Guidotto Antonino Angela Vecchio Sindaco  
 
20 Foti Concetta Carla Luisa Vivi Randazzo  

Le amministrative del 2013 sono elezione con sistema elettorale misto con elezione diretta del sindaco in un unico turno.

I candidati che hanno partecipato alla competizione sono:

Mangione Michele (voti 2195) – Sgroi Francesco (voti 1597) – Del Campo Ernesto (voti 1213) – Vecchio Angela (voti 698) –
Proietto Umberto (voti 696)

 

Consiglieri Comunali dal 2018 al 2023

N. COGNOME E NOME PARTITO/LISTA VOTI
1 Giardina Maria Enrichetta Insieme Per Randazzo – Sgroi Sindaco  453
2 Pillera Alfio Insieme Per Randazzo – Sgroi Sindaco 432
3 Proietto Maria Rita Insieme Per Randazzo – Sgroi Sindaco 393
4 Gullotto Giuseppe Insieme Per Randazzo – Sgroi Sindaco 376
5 Padalina Carmelita Insieme Per Randazzo – Sgroi Sindaco 323
6 Scalisi Carmelo Tindaro Insieme Per Randazzo – Sgroi Sindaco 318
7 Ragaglia Alfio Insieme Per Randazzo – Sgroi Sindaco 301
8 Petrina Chiara Insieme Per Randazzo – Sgroi Sindaco 299
9 Lo Castro Giuseppe  Insieme Per Randazzo – Sgroi Sindaco 199
10 Crimi Stigliolo Marco Insieme Per Randazzo – Sgroi Sindaco 198
11 Bordonaro Alessia Insieme Per Randazzo – Sgroi Sindaco 190
 
12 Antonino Grillo Vivere Randazzo – Grillo Sindaco (*)
13 Anzalone Gianluca Vivere Randazzo – Grillo Sindaco 329
14 Ceraulo Vincenzo Vivere Randazzo – Grillo Sindaco 328
15 Sindoni Sara Anna Vivere Randazzo – Grillo Sindaco 243
16 Caggegi Carmela Vivere Randazzo – Grillo Sindaco 240

Le elezioni amministrative del 2018 si sono svolte con sistema elettorale maggioritario con elezione diretta del sindaco in un unico turno. Il candidato sindaco che ottiene il maggior numero di voti è eletto con una maggioranza di 11 consiglieri, il candidato sindaco primo dei non eletti (*) è proclamato consigliere, vengono eletti n. 5 consiglieri della lista che risulta la seconda come numero di voti riportati.

I candidati sindaci che hanno partecipato alla competizione sono:

1) Sgroi Francesco (voti 2.521) – 2) Mollica Nuccio (voti 767) – 3) Grillo Nino (voti 2.125) – 4) Lanza Francesco (voti 1.565)

le liste collegate hanno riportato i seguenti risultati:

1) Insieme Per Randazzo – Sgroi Sindaco (voti 2.557) – 2) Movimento 5 Stelle (voti 575) – 3) Vivere Randazzo – Grillo Sindaco (voti 2.050) – 4) Noi Randazzesi con Lanza Sindaco (voti 1.630)

 

 

 

A cura di Lucio Rubbino

REPERTI ARCHEOLOGICI PRESENTI NEL MUSEO (in lavorazione)

Clicca sul reperto per ingrandire

aaaa bbbb ccc dddd

LA CINTA MURARIA

      La caratteristica predominante delle città medievali è essenzialmente costituita dalla costruzione di maestose e insuperabili mura di cinta a difesa dell’abitato.

Rappresentazione del centro storico di Randazzo nel catasto Borbonico

La costruzione di questa particolare tipologia architettonica del medioevo era ben presente nella Città di Randazzo e cingeva gran parte del nucleo urbano.
Le mura di cinta furono edificate intorno al XI secolo, durante la dominazione sveva, ma alcune fonti ne fanno risalire la costruzione già dal I secolo a.C. Il circuito murario, che avvolgeva tutta la città, era lungo circa 3 km, l’altezza delle mura era compresa tra i 5 e i 10 m. con uno spessore di 2 m.
Costruite interamente in pietra lavica e composte da pietrame grossolano e di media grandezza, sulla sommità era presente anche un passaggio che consentiva il controllo sia all’interno che all’esterno dell’abitato, inoltre robusti merli ornavano e proteggevano il camminamento.
Erano compresi nel circuito della cinta muraria anche 8 torri (tra cui il Castello Svevo, la Torrazza di San Domenico) e 12 porte (porta Pugliese, porta Buxemi, porta della Giustizia, porta Santa Caterinella, porta San Martino, porta Santa Maria di Gesu, porta San Giuseppe, porta San Francesco di Paola, porta del Carmine, porta Aragonese, porta dell’Erba Spina e porta della Fontana Nuova), costruite o ricostruite tra XI e XVII secolo.

Castello Svevo – Randazzo

Ai giorni nostri di questa importante opera difensiva rimane un tratto che dalla collina del Convento di San Giorgio percorre un tratto della via Bonaventura ed altre porzioni di mura tra la porta San Martino e la Porta San Giuseppe.
Delle 12 antiche porte sono sopravvissute ai tempi solo 4, forse le più importanti, porta Aragonese, porta Pugliese, porta San Martino, porta San Giuseppe.
Mentre, il Castello Svevo è l’unica torre è giunta fino a noi, oggi sede del Museo Archeologico Paolo Vagliasindi.

Porta Aragonese è la porta di accesso orientale della città, deve il suo nome al Re Pietro III d’Aragona che la restaurò nel 1282, fu denominata anche Porta degli Ebrei, Porta di San Giuliano, Porta di Santa Maria, Porta ‘o mustu (poiché chi voleva introdurre in città merci, ed in particolare vino o mosto, era obbligato a passare da questa porta per pagare il dazio doganale).

Porta San Martino è collocata all’estremità ovest del paese, nel quartiere di San Martino da cui prese il nome, anche denominata porta Dogana o porta Palermo perchè da lì passava la Regia Trazzera che da Messina portava a Palermo.

Porta San Giuseppe porta il nome dell’omonima chiesa nelle vicinanze, oggi non più esistente.

Porta Pugliese, probabilmente dal nome di una ricca famiglia che abitava nelle vicinanze è la porta che si affaccia a nord lungo il corso del fiume Alcantara.

Il Castello Svevo, o Castello Carcere  fu dimora di Federico II di Svevia, in seguito e fino al 1973 fu adibito a carcere comunale. Restaurato negli anno ’90, dal 1998 è sede del Museo archeologico Paolo Vagliasindi. 

A cura di Lucio Rubbino

              

 

 

 

Porta San Giuseppe – Randazzo

Porta San Martino – Randazzo

 

Porta Pugliese – Randazzo

 

Porta Aragonese – Randazzo

MARIO SCALISI

Mario Scalisi

Mario Scalisi nasce a Randazzo il 16 febbraio 1941.

    Consegue il diploma di Maturità al Liceo Scientifico Principe Umberto di Savoia di Catania e la Laurea in Scienze politiche all’Università di Siena, città dove collabora col giornale “La Martinella”.
    Negli anni 1968 e 1969 insegna al Liceo Scientifico “A. Poliziano” e nell’Istituto Tecnico Commerciale Statale “Francesco Redi” di Montepulciano (SI).
    Durante questi due anni, però, resta interessato ai problemi di Randazzo e, con la collaborazione di Santino Cammarata, a cui si aggiungono Gaetano Lazzaro, Vincenzo Romano, Paolino Lazzaro e Salvatore Scalisi, pubblica una serie di numeri unici, con i quali, in modo irriverente, mette a nudo le paralizzanti contraddizioni interne della maggioranza assoluta che all’epoca amministrava il comune.
    Alle elezioni del 7 giugno 1970 risulta eletto consigliere comunale e ricopre la carica di vicesindaco.
    Carica dalla quale si dimette alla fine dello stesso anno, perché nominato professore presso la Scuola Media “Giacomo Quarenghi” di Sant’Omobono Terme (BG), pur mantenendo sino alla scadenza del 1975 la carica di consigliere comunale di Randazzo.  

In Valle Imagna, di cui Sant’Omobono Terme è capoluogo, ricopre numerose cariche, anche elettive:
    dal 1975 al 1980 è presidente della biblioteca comprensoriale;
   dal 1980 al 1985 è membro dell’Unità Socio Sanitaria Locale di Ponte San Pietro  (BG), dove ricopre la carica di Presidente della Commissione Igiene;
    dal 1985 al 2011 è consigliere comunale e, nell’arco di questo periodo, precisamente dal 1985 al 1993, ricopre la carica di Vicesindaco di Sant’Omobono Terme mentre,
    dal 1985 al 1990, è contestualmente Presidente del Consorzio Idrico Valle Imagna e,  a Bergamo , componente del direttivo del Consorzio dei Bacini Imbriferi Montani del lago di Como e  fiumi Brembo e Serio;
    dal 1990 al 2006 è componente della Comunità Montana Valle Imagna, dove, per un quinquennio, ricopre la carica di Assessore ai lavori Pubblici.

Due amici imprenditori di Sant’Omobono Terme lo coinvolgono sin dal 1976 nelle problematiche riguardanti la diffusione dei segnali televisivi.
Dal 1987 al 1992 è amministratore unico della società SIDERA srl. In tale veste assume la responsabilità dell’ emittente televisiva Imagna TV. Nel 1991 SIDERA SRL è acquisita da una società facente capo a Stefania Craxi. Imagna Tv diventa emittente regionale col  nome di Tele Nord Italia con sede a Milano.
Nel 1992 presidente di SIDERA SRL  è Marco Bassetti, fondatore e futuro presidente di Endemol Italia.
Mario Scalisi  permane ancora per oltre un anno in SIDERA srl in qualità di consigliere di amministrazione, quindi si dedica esclusivamente a SOGEPOTEL srl, società titolare di uno dei più importanti siti d’Italia per l’emittenza radiotelevisiva, telefonia mobile e internet, e della quale è amministratore unico sin dal 1991.

Nel 2010, anno del passaggio dalla tv analogica a quella digitale, pubblica il libro “Toni delle antenne”, che fra romanzo e realtà, racconta la nascita e lo sviluppo delle televisioni commerciali.

 

PREMESSA

Questo libro racconta la storia della postazione radiotelevisiva di Valcava di proprietà dei fratelli Carlo e Italo Manzoni di Sant’Omobono Terme, ameno paese della Valle Imagna in provincia di Bergamo.

Sono veri tutti i nomi delle società, delle emittenti, delle ditte, dei professionisti, degli amministratori pubblici e privati, dei politici, dei pubblici funzionari e delle persone citati nel libro.

La narrazione degli avvenimenti riguardanti uno dei principali siti del più ricco e popoloso bacino d’utenza radiotelevisiva d’Italia costituisce un particolare punto di vista dal quale il lettore può attingere qualche informazione inedita sulla nascita e i successivi sviluppi delle televisioni e delle radio commerciali in Lombardia.

Presentazione libro “Toni delle Antenne” di mario Scalisi

Con diversa fortuna cercarono di affermarsi nel liberalizzato settore della comunicazione editori importanti, quali Mondadori, Rizzoli, Rusconi e Peruzzo, l’imprenditore Silvio Berlusconi e Salvatore Ligresti. E non fecero mancare la loro presenza, in modo diretto o indiretto, alcuni uomini politici: da Craxi a Vittorino Colombo a Valter Veltroni.

La storia della postazione radiotelevisiva scorre insieme a qualche vicenda dell’ agonizzante sistema della Prima Repubblica, s’ incontra con personaggi destinati ad assumere ruoli di rilievo nell’ entourage di Silvio Berlusconi e vive le riflessioni e il tormento di quei cattolici, che, ritrovatisi orfani della Democrazia Cristiana, hanno visto nella coalizione e nella formazione volute dal Cavaliere di Arcore la più congeniale ancora di salvezza per continuare nel loro impegno politico.

Ma con la storia vera della postazione è intrecciata una storia di pura fantasia.

Così come nel film di Robert Zemeckis Chi ha incastrato Roger Rabbit recitano insieme attori in carne ed ossa e cartoni animati, in questo libro convivono fatti reali con quelli inventati ma possibili, almeno secondo il pensiero del principale personaggio del romanzo.

Per conciliare la realtà con la fantasia è stato necessario l’uso di alcuni nomi non veri: Toni, il signor Vito e il Professore, i quali , solo per la parte riferita alla storia del sito radiotelevisivo, nel loro insieme rappresentano i signori Carlo e Italo Manzoni e l’amministratore della società che gestisce la postazione radiotelevisiva di Valcava, cioè l’umile autore di questo libro.

Pure di fantasia è il nome di Osvaldo, personaggio in parte vero, mentre totalmente di fantasia è la signora Franca.

Nulla è opportuno dire su Angela. La meravigliosa fanciulla, che profuma del profumo di tutti i fiori del mondo è lasciata procedere in modo autonomo dalla sensibilità e dai convincimenti religiosi dell’autore del libro alla sensibilità e ai convincimenti dei lettori.

Qualunque sia l’identità che ciascun lettore vorrà liberamente attribuire alla fanciulla, è da lei che provengono gli stimoli per alcune importanti riflessioni.

Riflessioni necessarie affinché il protagonista del romanzo prenda la decisione d’impegnare le proprie risorse e destinarle al perseguimento dell’unità dei cristiani e al rinnovato impegno politico dei cattolici italiani su basi rese libere dalle nostalgie del passato.

                                                                                                            L’autore

                                                                                                           Mario Scalisi

    

 

ELIANA SCI

   Nasce in Sicilia, alle pendici del vulcano Etna, maestoso e solenne.
   Frequenta l’Istituto Magistrale e continuerà con passione il suo percorso di conoscenza, alla Facoltà di Scienze Della Formazione di Catania, in cui si laureerà, elaborando una tesi sul mondo delle donne, evidenziandone cambiamenti, similitudini e differenze tra ieri e oggi, attenzionando figure spesso “oscurate” (ma di estremo interesse umano e filosofico), dall’atavico misoginismo che ne tramanda una visione falsata.
   In seguito, decide di specializzarsi in “Metodologie didattiche sulla disabilità, per alunni con handicap sociale e di apprendimento”, e dopo qualche anno partecipa al Master in Bioetica, all’ Istituto Teologico San Tommaso di Messina.
   E’ importante notare come i suoi studi, l’abbiano portata ad avvicinarsi al mondo dell’arte, in particolar modo all’ ambito fotografico e poetico, con la consapevolezza di voler attraversare questi versanti, con lo scopo di raccontare, anche con cruda veridicità, ambiti spesso delicati e drammatici, scorsi sotto una lente a sfondo psicologico, filosofico, pedagogico e socio-antropologico.
   Si citano solo alcune delle performance riguardanti il settore fotografico:

1° premio, Centro Studi Tolerus, Ceccano (Fr);
1° premio, Randazzo arte 2010 e 2012;
premio speciale, terza biennale dei giovani autori, Bibbiena, Passione Italia(promosso da Seat pagine Gialle, con il patrocinio e il sostegno del comitato Italia 150 e con la collaborazione dei partner, Fiaf, Nikon, Epson;
2° premio, Associazione Culturale l’impronta, S. Pietro V.Co (Br);
2° premio, Associazione culturale Irpinia mia, Trevico (Av);
2° premio, Medicamp, Catania; 
3° premio, Associazione Culturale Radicinnoviamoci, Merlino (Lo); Menzione speciale, Gruppo Fotografico l’Osservatorio, Pino Torinese (To).

   La decisiva svolta artistica avviene con l’esposizione delle sue opere alla Biennale di Bibbiena, mostra dal titolo, “ONIRICHE VISIONI: ARMONIE E INQUIETUDINI DEL CORPO E DELLA MENTE…” un percorso che attraversa diverse prospettive, legate intimamente tra di loro, in un vortice primitivo e imponente.
   Il corpo e la mente, come protagonisti tra sogno e realtà, una visione quasi sempre onirica e spettrale, suggestionata da luci/ombre e insolite sequenze.
   Una ricerca del sé, profonda e dolorosa, un “io” ancora caotico e sfuggente.
   Fine ultimo, è toccare l’immaginazione, stimolandola, portando al cuore, un mondo vitale polisemico, in grado di aprirsi, pian piano, verso contesti sempre più estranei e a tratti scellerati.
   Il corpo, i volti, scomposti o idealizzati, impongono riverberi ancestrali, lasciando impronte in contesti di vita fatti di angosce ed ansie.         L’anima si manifesta, senza fraintendimenti e trova la sua reificazione nei “soggetti” capaci di sublimare la realtà fin quasi al non reale…
   Partecipa attivamente anche ad altre mostre personali, in svariate località nazionali, riscuotendo successo anche per quanto concerne pubblicazioni su riviste e libri di opere fotografiche e poetiche.
   Folgorata dalle mille sfaccettature dell’indole umana, avanza verso una continua crescita ed evoluzione , una maggiore esperienza e competenza dell’affascinante mondo del sapere.
Eliana Sci

Poesie pubblicate  nella “Rassegna di Poesie dialettali” anno 2011 – ProLoco Randazzo

Duluri di Nostalgia
Pigghia intra lu pettu,
luntanu di lu lustru,
nu lamentu  fucusu 
chi fa trimari l’abbissu di lu munnu.
  Ma ‘nzonnu ca sula moru…
  supra na fridda balata…
…nu luntanarisi cussì lentu e lagnusu,
chi fa cripari milli voti.
Chianciu lacrimi nivuri a lu risvigghiu
e lu visu abbampa  di tristizza…
Vita o vita mia, chi sai di aiuru limuni!!!!
Cruci di lu me cori, 
strudusa e surda…
  …mi criscisti finu a ranni 
bannunannumi intru l’eternu  vadduni…
Il perverso senso del male
Depongo con severità l’inverosimile inclinazione dabbene,
cedendo posto all’alterata natura iniqua.
Ammanto il volto con la disumana maschera
della malevolenza,
provocando allucinazioni e vaneggiamento,
infangati di supplizi e strazi.
Dirigo la lama contro me stesso,
trafiggendo il tormento malvagio,
in un unico e perforante colpo.
Esangue e impallidito,
scorgo vividamente un senso amaro,
di questa funesta e disperata esistenza.

 
       

GIOVANNI PETRULLO

Giovanni Petrullo nato il 15/12/1934

Consegue il diploma di Abilitazione Magistrale ed e vincitore del primo concorso per Ufficiale postale bandito dalle Poste ed assunto 11 agosto 1957. 

Collocato in pensione il 15 Luglio 1998 per raggiungimento della Massima anzianità contributiva con la qualifica di Dirigente Superiore di Esercizio.

Nominato per meriti di lavoro Cavaliere della Repubblica il  2 Giugno 1978 dal Presidente Giovanni Leone.

Luglio 1991 squadra allievi Associazione Sportiva Randazzo: Torneo Italy Cup Verona. Il sindaco Francesco Rubbino,, ass, Gianni Petrullo, ass. Francesco Lanza, Nino Germanà, Salvatore Corso, Nino caggegi, Salvatore Manitta, Pietro Trazzera.

Eletto consigliere Comunale nel 1970, Assessore per parecchi anni, quasi sempre allo Sport e turismo, ha avuto l’onore di essere stato nominato Sindaco nel Gennaio del 1988, restando in carica per quasi tutto l’anno.

Amante dello sport„ ha dedicato ad esso, molto tempo della sua vita politica, riuscendo, con la collaborazione di altri colleghi, a dotare Randazzo di tutti gli impianti sportivi tutt’ora esistenti, incluso il campo di Baseball.

Campo completato poi, come avvenuto peraltro anche per altri impianti sportivi, per interessamento delle successive Amministrazioni.

Altro risultato, di cui va fiero, è stato, la creazione nel 1975, dell‘AIAS ( assistenza Italiana agli spastici) a Randazzo, sia per il suo impatto occupazionale per i Randazzesi, sia, e soprattutto, per l’aiuto che si poteva dare ai diversamente abili di Randazzo e dintorni, avviandoli anche all’apprendimento di un lavoro per la loro vita futura. Interpellato dall’allora presidente dell’AIAS di Acireale, collaborato dal Maestro Giuseppe Santangelo, a cui era stata affidata la classe dei bambini disabili, e dall‘assessore Alfio Cartillone, si è riusciti ad ottenere l’autorizzazione, da parte della Regione Siciliana, dell’uso dei locali dell’attuale sede dell’AIAS, che proprio l’anno scorso ha festeggiato il 40^ anniversario della sua fondazione, dando atto al Petrullo di quanto fatto per la sua istituzione.

CONVENTO FRATI MINORI CAPPUCCINI

                                                                     DENOMINAZIONE: RandatiumRandazzo

   ANNO DI FONDAZIONE:

Fondato nel 1544 dal M.R.P.Arcangelo da Catania essendo Generale P.Francesco da Jesi.

Il secondo convento,secondo il Bollario,fu fabbricato nel 1600.
Il convento e l’orto,incamerati dal Governo nel 1866,furono riacquistati dai Frati che vi eressero il Seminario Serafico.

FRANCESCO FISAULI

Note biografiche di  FRANCESCO FISAULI

 

Francesco Fisauli a Villa Queta – Randazzo

Mantello della Confraternitàdelle Anime del Purgatorio – Chiesa S. Nicola Randazzo

     Francesco Fisauli nacque a Randazzo nel 1914, quarto figlio di Gualtiero Fisauli (1870/1955) (ultimo discendente del barone Giuseppe e di Antonina Vagliasindi del Castello) che trasmise la sua profonda cultura e l’appassionata onestà intellettuale anche al suo erede più piccolo, nato dall’unione con una borghese, Angela Alia, sposata disattendendo i protocolli delle famiglie nobiliari.
    Sulle orme del padre Gualtiero (che aveva studiato presso l’Istituto salesiano di Valselice, dove il fondatore della congregazione, San Giovanni Bosco, ne aveva favorito il ritorno alla fede e che si era laureato giovanissimo in giurisprudenza presso l’università di Bologna), Francesco Fisauli ebbe a disposizione la documentazione e le ricerche sulla storia di Randazzo, di cui Gualtiero Fisauli aveva compilato preziosi regesti, forniti al salesiano don S. Calogero Virzì.
    Quest’ultimo ne tracciò una biografia, apparsa nella rivista “Randazzo Notizie” e se ne giovò in larga misura per i suoi studi.Rimasero inediti i volumi Le Confraternite in Randazzo e Notizie storiche sulle chiese parrocchiali di Randazzo perché l’interesse per la politica e la vita civile del suo territorio spinsero Gualtiero Fisauli  a partecipare all’agone politico per buona parte della sua vita, con prestigiose cariche di deputato provinciale (1910) di sindaco e commissario prefettizio, mettendo da parte la passione bibliografica.
    Alle sue teorie e ricerche può considerarsi un omaggio la tesi di laurea in Diritto Ecclesiastico, finora inedita, discussa dal figlio Francesco presso l’Università di Bologna dal titolo “Le confraternite di Randazzo nella storia e nel diritto ecclesiastico” (1937), che è oggetto della presente pubblicazione per volontà della di lui  figlia Angioletta e del nipote Francesco.
    In essa traspare lo spirito laico e la volontà di fare chiarezza con i documenti, rigorosamente trascritti insieme alle fonti notarili, sui rapporti complessi che hanno caratterizzato la vita delle confraternite in Randazzo, (ma anche in altri territori siciliani da Regalbuto a Biancavilla, a Paternò da altri indagati).
    La loro funzione, non solo religiosa ma assistenziale, è sentita dal giovane Fisauli con spirito partecipe e critico, non privo di interrogativi insoluti su alcuni passaggi di proprietà.

Francesco Fisauli con la moglie Stella Fiammenghi


Per tornare alle note sull’autore, tratte dai documenti familiari, confermate dalla biografia di Gaetano Scarpignato su Gualtiero Fisauli, è utile precisare il suo rapporto affettivo con il territorio natale: Francesco aveva studiato al Collegio Salesiano San Basilio in Randazzo e conseguito nel  ’33 la licenza liceale al Liceo Cutelli di Catania, attuale Convitto.
    Per completare gli studi aveva frequentato presso l’Università di Bologna la Facoltà di Giurusprudenza, laureandosi con il prof. Cesare Magni con la tesi che viene oggi pubblicata, poiché, anche a causa dell’inizio della seconda guerra mondiale, il Fisauli orientò le sue scelte in ambito diverso.
    Francesco Fisauli  infatti dopo la laurea intraprese la carriera militare a Torino come Ufficiale di Complemento nel corpo automobilistico militare nel ’38.
    

Fisauli con la moglie Stella e i figli Emma, Claudio e Angela.

Nel Capoluogo emiliano aveva intanto conosciuto la sua futura moglie, l’affascinante Stella Fiammenghi, che gli avrebbe dato tre figli, Emma, Claudio e Angela.
    Tornato a Randazzo, a cui era molto legato, si dedicò all’amministrazione dei beni, alla cura della famiglia, dimorando nella patriarcale villa Queta di Montelaguardia, praticando anche uno sport elegante come il tennis e vari interessi culturali.
    Francesco Fisauli continuò inoltre nell’ambito della confraternita la sua generosa cooperazione di volontariato che suppliva all’assistenza dei più deboli, con l’importante carica di rettore, lavorando a beneficio della cittadinanza anche presso l’Eca e come giudice conciliatore per circa un trentennio.
     Morì il 3 maggio 1997.

Come ha sottolineato lo studioso  Salvatore Agati, nella sua prefazione, oggi che le confraternite sono regolate dal Codice di Diritto Canonico del 1983, ripercorrerne le vicende intricate in Randazzo, grazie alle ricerche del Fisauli, è un importante dono alla comunità etnea tutta e un ricordo dell’operato dei suoi figli migliori, da costituire un esempio per continuare l’opera nella valorizzazione delle memorie, come autentico bene culturale, che distingue ogni paese, ed evita l’omologazione di nodi storici interessanti sul piano religioso e civile.

  Concetto Greco Lanza     

 

                                                                                                            

No announcement available or all announcement expired.